giovedì, maggio 04, 2006

corpi parassitari

Un pò di Lenin da Stato e rivoluzione non fa male:

"La burocrazia e l'esercito permanente sono dei "parassiti" sul corpo della
società
borghese, parassiti generati dalle contraddizioni interne che
dilaniano questa società, ma
parassiti appunto che ne "ostruiscono" i pori
vitali".
Qui Lenin riprende Marx, 18 brumaio sulla
burocrazia moderna corpo parassitario avvolto intorno al corpo della sociatà borghese e che
ne ostruisce i pori.

Ma soprattutto leggete il passo più avanti:
"Ma gettiamo uno sguardo d'insieme sulla storia dei paesi avanzati alla fine del
secolo
decimonono e al principio del secolo ventesimo. Vedremo come, più
lentamente, in forme più
varie, su un'area molto più estesa, si sia svolto
lo stesso processo: da un lato,
l'elaborazione di un "potere parlamentare",
tanto nei paesi repubblicani (Francia, America,
Svizzera), quanto in quelli
monarchici (Inghilterra, Germania, fino a un certo punto,
Italia, paesi
scandinavi, ecc.); dall'altro, la
lotta per il potere dei diversi partiti
borghesi e piccolo-borghesi che si
dividono e si ridistribuiscono il "bottino" degli
incarichi statali, mentre
immutate restano le basi del regime borghese
;
finalmente un
processo di perfezionamento e di rafforzamento del "potere esecutivo", del
suo apparato
burocratico e militare".

Un passo scritto quasi un secolo fa ma che fotografa oggi 4 maggio 2006: La questione
politica centrale intorno a cui ruota tutto è che un partito (Ds) deve avere il presidente
della Repubblica perchè è rimasto fuori dal bottino che altri si sono già spartiti. Per
concordare i dettagli di cui sopra due personaggi (Prodi e Berlusconi) che fino a pochi
giorni fa se le dicevano che manco i vasciaioli dei quartieri, oggi si sono incontrati e
hanno detto che è stato un incontro molto proficuo: tra parassiti ci si intende. Tutti gli onorevoli o esperti guitti di talk show politici sono contentissimi a discettare su che cosa farà
il Fini o Casini il Berlusconi o altri compari di turno sempre a proposito del bottino in questione, e questo sarebbe dibattito politico democratico. In tutto questo parassitaio, partiti
comunisti rifondati o exitati sono in primo piano nel proclamare la solennità dell'evento,
le istituzioni gli "interessi generali del paese" e simili maschere. Che farsa di infimo
gusto.
La Comune di Parigi voleva porre fine a questa farsa di infimo gusto dando algi amministratori un salario da operai e revocando continuamente il mandato. Quella resta la migliore forma di governo

Nessun commento: